Belinelli: ”Avrei voluto vincere gli Europei”

Belinelli: ”Avrei voluto vincere gli Europei”

Reduce dagli Europei terminati con l’eliminazione dell’Italia all’overtime contro la Lituania, quest’oggi, alle ore 18:00, Marco Belinelli sarà presente alla Libreria Feltrinelli di Piazza Ravegnana per presentare la sua autobiografia “Pokerface”, scritta assieme ad Alessandro Mamoli per Baldini & Castoldi. Per l’occasione andiamo a vedere le sue dichiarazioni sulle pagine del Carlino.
“Avrei voluto vincere gli Europei – ha spiegato Belinelli – Avevamo buone carte da giocare. Abbiamo esordito male con la Turchia. Poi c’è stata una reazione importante. C’erano le premesse per vincere questo Europeo che ci avrebbe regalato le Olimpiadi. Le Olimpiadi sono qualcosa di speciale. Vogliamo riportare l’Italia ai Giochi.” Prosegue Marco: “Durante l’europeo ho cercato di essere una presenza, di parlare molto, di farmi sentire. E’ quello che ho imparato nella Nba. E’ quello che mi hanno trasmesso Popovich e Ginobili.”
Non ci sono però soltanto le Olimpiadi nel futuro di Marco, infatti lo scorso luglio ha firmato un contratto da 19 milioni in tre anni con i Sacramento Kings: “Diciannove milioni in tre anni sono tanta roba. Ho guadagnato anche prima. Ma, nonostante mi consideri molto fortunato per questo, ho sempre dato risalto ad altri aspetti. Un buon conto in banca non può sostituire amicizia e famiglia. Ecco perchè sono fortunato”. I Sacramento Kings difficilmente potranno competere per il titolo Nba, tuttavia: “Il progetto a Sacramento è intrigante – ha spiegato Belinelli – E’ un po’ che non ci si qualifica per i playoff. Voglio aiutare il club a crescere. Ho maturato esperienze tali che mi hanno fatto pensare di poter essere utile.”
Per quanto riguarda invece il basket a Bologna, Belinelli ha le idee chiare: “A Bologna serve il derby. Spero possa tornare il prima possibile. Anche se non sarà facile poiché dalla A2 sale solo un club”
Sul libro: “Scrivere il libro è stata dura anche se è stata una bella esperienza – prosegue Marco – Piace a tutti. In tanti mi scrivono per avere notizie. Il titolo lo abbiamo scelto un po’ tutti: io, i miei fratelli Enrico e Umberto, Elisa Guarnieri, lo stesso Alessandro Mamoli. Un grande titolo”.
Infine, per quanto riguarda il futuro, la guardia dei Sacramento Kings ha le idee chiare: “Non ci penso mai al ritiro. Gioco ancora per tanti anni” ed esclude anche un possibile approdo in panchina come allenatore una volta terminata la carriera: “Amo il basket ma resto un giocatore. Per un futuro molto lontano sono attratto dalla moda. Lo sapete che sono attento al look.”
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy