2mila euro di ammenda per la Fortitudo: pronto il ricorso

2mila euro di ammenda per la Fortitudo: pronto il ricorso

Dopo aver perso contro Treviso la Fortitudo è scivolata al decimo posto, attualmente è fuori dalla zona playoff.

Come riporta ‘Il Resto del Carlino’ nella trasferta in Veneto oltre al danno della sconfitta è arrivata anche la beffa: la Effe è stata multata di 2mila euro per ‘comportamenti atti a turbare il regolare svolgimento della gara da parte del pubblico’. Il giudice sportivo ha punito la società a causa dei tifosi colpevoli di aver suonato i tamburi e di aver fischiato l’inno di Mameli prima dell’inizio del match. La decisione del giudice Tavazza ha rinnovato le frizioni tra Fortitudo e Fip, è infatti già pronto il ricorso contro il provvedimento. Si punterà sul fatto che i tamburi bolognesi non erano all’interno del Palaverde, e inoltre sul fatto che a fine partita il parterre trevigiano ha esposto uno striscione ‘la vostra storia solo veleni e fallimenti’ che non essendo stato autorizzato andava sanzionato, cosa che non è avvenuta. Due pesi e due misure quindi nei confronti della Fortitudo che con questa ammenda raggiunge quota 20mila euro versati nelle casse della federazione per le multe subite. La sanzione non riguarda gli insulti a Federico Lestini e al procuratore federale, ma in ogni caso la Federbasket chiede rispetto e dal canto suo la Fortitudo vorrebbe maggiore comprensione per gli sforzi che Bologna 1932 sta facendo per mantenere viva una squadra che porta un gran numero di tifosi al PalaDozza

Intanto la squadra è tornata ad allenarsi in vista del match casalingo contro Brescia, Amoroso ha svolto lavoro differenziato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy